Ultima modifica: 16 Giugno 2020

Al Nostro Repaci il Service “Libro Parlato Lions”

Villa San Giovanni – Al Nostro Repaci il Service “Libro Parlato Lions”

È stato attivato sul sito dell’Istituto Nostro Repaci di Villa San Giovanni un servizio offerto dal
Club Lions Distretto 108 YA, – Governatore: Nicola Clausi, Specialist Distrettuale Giuseppe Naim -,
che promuove l’audiolettura, grazie al Service “Libro Parlato Lions”.
La sinergica collaborazione con il Club Lions Distretto 108 YA, ormai da tempo instaurata e
consolidata, per la realizzazione di questo progetto, è nata dall’esigenza di offrire un prezioso aiuto
agli studenti con disturbi specifici di apprendimento e agli studenti con disabilità, ma poi il Service,
– afferma la Dirigente Scolastica prof.ssa Maristella Spezzano –, si è rivelato un ulteriore strumento
utile a favorire l’accesso alla cultura e allo studio anche agli studenti che versano in condizioni di
disagio e agli studenti che, grazie all’ascolto, scoprono o riscoprono il piacere di leggere. Sono stati
selezionati alcuni degli audiolibri di genere narrativo in versione integrale e messi a disposizione
sul sito dell’Istituto; gli studenti del Nostro Repaci possono così scaricare gli audiolibri e fruirne
gratuitamente. Le modalità di fruizione sono semplici: dalla sezione dedicata sul sito della scuola,
lo studente, tramite una password che dovrà essere richiesta all’indirizzo mail della scuola, potrà
accedere all’area riservata, consultare la pagina e scegliere l’audiolibro. Tra gli obiettivi prioritari del
Nostro Repaci ha un ruolo fondamentale nella crescita umana e culturale degli studenti l’Educazione
alla Lettura che, attraverso il servizio innovativo quale il “Libro Parlato Lions” offerto dal Club Lions
Distretto 108 YA, è potenziata dall’uso di strumenti digitali e arricchita di nuove motivazioni e
strategie inclusive. Ascoltare un audiolibro – continua la Dirigente – è certamente una bellissima
esperienza, in quanto la lettura ad alta voce fatta da uno speaker regala nuova profondità al testo e
suscita suggestioni che stimolano l’immaginazione. È un’esperienza singolare, perché ci si può
dedicare all’ascolto mentre si è impegnati in un’altra attività, quando si corre, si passeggia o ci si
rilassa su un divano, semplicemente per evadere un po’ con la mente; è un modo diverso e sano per
trascorrere il tempo libero in maniera divertente, che sta prendendo il posto, sempre più spesso,
della radio e della musica. Nei giorni dell’emergenza Covid-19, – conclude la Spezzano – quando
anche le librerie erano chiuse, docenti e studenti hanno interiorizzato, ancora di più, la
consapevolezza dell’utilità di altri strumenti digitali per continuare ad apprendere e allo stesso
tempo per combattere la solitudine e viaggiare con la fantasia nel mondo raccontato. La lettura e
l’audiolettura non si devono fermare a esigenza sanitaria finita, è importante che ogni studente ne faccia una buona abitudine e buona pratica.
Elena Scopelliti